x
Eventi in programma   |  

 

venerdì 25 maggio
- ore 19:30 -

Speciale
Tramonto ai Musei Vaticani

Uno speciale appuntamento serale per ripercorrere gli ambienti preziosi dei Musei Vaticani.
L’Apollo del Belvedere, il Laocoonte, il Torso del Belvedere: la lezione dell’antico, confronto ineludibile per gli artisti dell’età moderna. Gli affreschi di Raffaello e della sua bottega nelle stanze del papa Giulio II: la transizione dallo stile del pieno Rinascimento al quello del Manierismo. La decorazione, in tre tempi, della Cappella Sistina: gli affreschi quattrocenteschi di Perugino, Botticelli, Signorelli, Ghirlandaio, Rosselli (e dei loro aiuti), in dialogo con l'opera di Michelangelo, potentemente dispiegata sulla volta e, con il drammatico Giudizio Finale, sulla parete d'altare.
Posti disponibili esauriti - Prossimo appuntamento: venerdì 13 luglio 
Consultare la scheda descrittiva

 

 

 

 

 

sabato 26 maggio
- ore 10:30 -

Il Convento della Trinità dei Monti:
gli incanti - nascosti - del Pincio.
Visita con permesso speciale

Addossato al fianco di una chiesa che domina dall’altura del Pincio l’affaccio su piazza di Spagna, eppur sconosciuto ai più: è il convento della Trinità dei Monti , sede, dal 1828 della comunità religiosa del Sacro Cuore (e dalla scuola annessa). Una visita con permesso speciale per scoprire gli incanti – nascosti – del Pincio: le anamorfosi di François Nicéron ; la meridiana catottrica di Emmanuel Maignan; le Nozze di Cana dipinte nel refettorio da Andrea Pozzo.
Prenotazioni entro e non oltre giovedì 24 maggio, complete dei nominativi dei singoli partecipanti corredati dei rispettivi estremi di un documento di identità (numero, luogo e data del rilascio) da inviarsi a info@bellezzadellarte.it e specifica di eventuali partecipanti minorenni
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

 

 

 

 

sabato 26 maggio
- ore 16:40 -

Speciale Grandi Mostre
"Canaletto 1697-1768"
al Museo di Roma di Palazzo Braschi

"La mostra 'Canaletto 1697-1768' intende celebrare il 250° anniversario della morte del grande pittore veneziano presentando il più grande nucleo di opere di sua mano mai esposto in Italia, 68 tra dipinti e disegni e documenti, inclusi alcuni celebri capolavori.
Giovanni Antonio Canal (Venezia 1697 - 1768) noto come Canaletto, celebrato con una grande retrospettiva [...] Le opere in mostra provengono da alcuni tra i più importanti musei del mondo, tra cui il Museo Pushkin di Mosca, il Jacquemart-André di Parigi, il Museo delle Belle Arti di Budapest, la National Gallery di Londra e il Kunsthistorisches Museum di Vienna ..."
Posti disponibili in esaurimento
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

 

 

 

sabato 19 maggio
- ore 10:00 -

Meraviglie di Trastevere.
Santa Cecilia:
i sotterranei, la basilica,
gli affreschi - nascosti - del Cavallini

Un percorso nel cuore di Trastevere, alla scoperta dell'avvincente storia - architettonica e decorativa - della basilica di Santa Cecilia.
Fondata nel IX secolo sopra i resti della casa della santa (martirizzata nel 230 d.C.), la primitiva basilica conobbe una seconda, splendida stagione tra XII e XIII secolo quando il suo interno venne impreziosito dal magnifico ciborio di Arnolfo di Cambio e dagli affreschi di Pietro Cavallini destinati, questi ultimi, a rimaner celati alla vista nelle successive fasi costruttive del complesso legate all'insediamento delle monache benedettine ...


Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"  

 

 

 

 

 

domenica 20 maggio
- ore 10:30 -

Speciale Palazzo Chigi ad Ariccia:
gli appartamenti
e il parco monumentale

"Il palazzo ducale di Ariccia costituisce un esempio unico di dimora barocca rimasta inalterata nel suo contesto ambientale e nel suo arredamento originario, a documentare il fasto di una delle più grandi casate papali italiane: i Chigi. Iniziato nella seconda metà del sedicesimo secolo dalla famiglia dei Savelli, il palazzo fu trasformato su commissione dei Chigi in una fastosa dimora barocca tra il 1664 e il 1672 su un'idea progettuale di Gian Lorenzo Bernini, che si servì della collaborazione del suo giovane allievo Carlo Fontana.
Il palazzo vanta un'importante collezione di dipinti, sculture ed arredi, risalenti prevalentemente al XVII secolo, e provenienti anche da altre dimore di famiglia [...]".
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

 

 

venerdì 11 maggio
- ore 19:00 - 

Ritorno al classico.
Renoir: oltre l'Impressionismo

Ultimo appuntamento del ciclo "Incontro ai Capolavori", sul tema “Viaggi a Roma di Grandi Maestri”: un percorso in sei tappe nella storia delle arti alla ricerca di quelle impronte e di quei riflessi che più significativamente sono originati da indimenticate esperienze romane di artisti "forestieri".
Dalle “impronte” del gotico rintracciabili nel superbo catalogo di architetture e sculture – comprensive di un poetico Presepe - licenziate da Arnolfo di Cambio per la Roma tardo duecentesca, ai “riflessi” nel ritorno classico di un estremo, imprevedibile Renoir, oltre la bruciante esperienza della ‘rivoluzione’ impressionista, passando per: le fascinazioni antiquarie che nutrono il raffinato repertorio decorativo messo in opera dal Pintoricchio nelle cappelle gentilizie di importanti basiliche e nell’appartamento Borgia in Vaticano ...
Posti limitati
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

 

 

sabato 12 maggio
- ore 18:30 - 

Speciale Grandi Mostre
"Turner. Opere della Tate"
al Chiostro del Bramante

"Per la prima volta in mostra a Roma una raccolta di opere esclusive dell’artista inglese Joseph Mallord William Turner al Chiostro del Bramante.
Una collezione unica, espressione del lato intimo e riservato di J.M.W. TURNER (23 aprile 1775 – 19 dicembre 1851), donata interamente all’ Inghilterra e conservate presso la Tate Britain di Londra [...]. Più di 90 opere d’arte, tra schizzi, studi, acquerelli, disegni e una selezione di olii mai giunti insieme in Italia, caratterizzano il percorso espositivo della grande mostra 'TURNER. Opere della Tate' dedicata al celebre e rinomato maestro dell’acquerello che con la sua pittura ha influenzato più di una generazione di artisti ... "
Posti disponibili esauriti - Un ulteriore appuntamento è in programma in data sabato 7 luglio
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

 

 

domenica 13 maggio
- ore 16:30 -

Santo Stefano Rotondo:
luci e ombre
tra Tardo Antico e Alto Medioevo

“La chiesa paleocristiana, dedicata al diacono e primo martire Santo Stefano, è situata sul Celio, uno dei più alti tra i sette leggendari colli di Roma. La soluzione architettonica della chiesa, con i suoi tre cerchi concentrici e la forma a croce greca, la fa assomigliare alla basilica del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Proprio considerando la forma così particolare della chiesa, già nel X secolo si era pensato che essa in origine fosse il tempio della divinità pagana Faunus o dell’imperatore Claudio, e che nei primi tempi della cristianità fosse stata dedicata al primo martire, analogamente al più conosciuto, e anch’esso rotondo, Pantheon [...]"
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare su "Date e prenotabilità"

 

 

 

 

 

 

domenica 13 maggio
- ore 10:30 - 

Incanti d'arte sul Gianicolo.
Sant'Onofrio: la chiesa e il chiostro

Inattesi incanti d'arte da scoprire in un percorso di grande fascino.
Meta privilegiata di artisti e letterati attratti dal fascino del sito e dalle memorie di Torquato Tasso che morì in una cella dell'annesso Convento il 25 aprile 1595, la chiesa di Sant'Onofrio si staglia sulla salita al Gianicolo e invita a varcare le sue diverse soglie: quella di un cancello, da cui inizia la scalinata che conduce a un sagrato erboso su cui prospetta un portico con affreschi del Domenichino; quella della chiesa, fondata nella prima metà del Quattrocento,  nell'intima spazialità di una navata unica con due cappelle per lato e un presbiterio affrescato da Baldassarre Peruzzi; quella, infine, di un chiostro in cui, alla vigilia dell'anno Santo del 1600, il Cavalier d'Arpino e altri maestri raccontarono, per immagini, le Storie di Sant'Onofrio.
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

 

sabato 5 maggio
- ore 10:45 - 

Splendori nascosti: Villino Ximenes.
Armonie Liberty ritrovate dopo il restauro.
Visita con permesso speciale

E' tornato a splendere, dopo un'impegnativa campagna di restauro, il prezioso edificio affacciato su piazza Galeno, nel cuore del quartiere Nomentano: il Villino Ximenes, raro documento, a Roma, dell'elegantissima e fugace stagione Liberty.
Edificato e splendidamente decorato ad apertura Novecento come casa-studio dello scultore palermitano
Ettore Ximenes (1855-1926), il villino è attualmente la sede dell'Istituzione Teresiana.
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

 

 

 

domenica 6 maggio
- ore 10:30 - 

Speciale Terme di Diocleziano:
il chiostro di Michelangelo,
il nuovo allestimento del chiostro piccolo,
la natatio, le collezioni

Un affascinante percorso attraverso le sopravvivenze del più grandioso impianto termale mai costruito nel mondo romano, trasformato, nel tardo Cinquecento e su progetto di Michelangelo , nel magnifico complesso della basilica di Santa Maria degli angeli e della Certosa e destinato a divenire la prima prestigiosa sede  del Museo Nazionale Romano (istituito nel 1889 e inaugurato nel 1890).
Ingresso gratuito per l'apertura nella prima domenica del mese.
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

 

 

domenica 6 maggio
- ore 16:15 -

Meraviglie di
Raffaello e Pietro da Cortona

per Santa Maria della Pace

Incastonata come un gioiello tra i vicoli che si dipanano da piazza Navona, è la piccola, preziosa chiesa di Santa Maria della Pace edificata alla fine del XV secolo su un progetto di edificio a navata unica attribuito a Baccio Pontelli e impreziosito: al suo interno, all'inizio del nuovo secolo, da un maturo Raffaello, autore delle Sibille e Angeli della lunetta soprastante la cappella Chigi; più alla distanza, da Pietro da Cortona, autore di una nuova facciata convessa con portico semicircolare, che, all'insegna dell'estetica del barocco, aprì inediti spazi di meraviglia nel cuore della città papale.
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

 

 

 

 

sabato 28 aprile
- ore 10:30 -

Il Convento della Trinità dei Monti:
gli incanti - nascosti - del Pincio.
Visita con permesso speciale

Addossato al fianco di una chiesa che domina dall’altura del Pincio l’affaccio su piazza di Spagna, eppur sconosciuto ai più: è il convento della Trinità dei Monti , sede, dal 1828 della comunità religiosa del Sacro Cuore (e dalla scuola annessa). Una visita con permesso speciale per scoprire gli incanti – nascosti – del Pincio: le anamorfosi di François Nicéron ; la meridiana catottrica di Emmanuel Maignan; le Nozze di Cana dipinte nel refettorio da Andrea Pozzo.
Prenotazioni entro e non oltre giovedì 26 aprile, complete dei nominativi dei singoli partecipanti corredati dei rispettivi estremi di un documento di identità (numero, luogo e data del rilascio) da inviarsi a info@bellezzadellarte.it e specifica di eventuali partecipanti minorenni
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

 

 

 

domenica 29 aprile
- ore 16:30 -

Fasti di Roma imperiale:
la Villa dei Quintili

"Proprietà dello Stato solo dal 1986, la Villa dei Quintili era la più grande e fastosa residenza del suburbio romano.
Il nucleo originario apparteneva ai fratelli Quintili, consoli nel 151 d.C. ed è stato ampliato quando la villa è divenuta proprietà imperiale con l'imperatore Commodo.
Commodo amava risiedervi a causa della tranquillità della campagna e dei benefici dei bagni termali presenti nella villa ... "

Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 


 

 

 

 

 

sabato 28 aprile
- ore 17:30 -

Mausoleo di Cecilia Metella
e Castrum Caetani:
il tramonto della via Appia

Immagine simbolo dell'antica via Appia e, per estensione, di quell'illustre passato di cui Roma è stata protagonista, il Mausoleo di Cecilia Metella veniva edificato tra il 30 e il 20 a.C. in posizione dominante all'altezza del III miglio della "regina viarum". La memoria materiale del sepolcro convive, però - e ormai perfettamente nell'immaginario collettivo - con le integrazioni di età tardo medioevale, risalenti all'epoca in cui Francesco Caetani faceva costruire nell'area un villaggio fortificato. Trasformazioni di segno e di significato ponevano le premesse della veste attuale del monumento e della straordinaria fortuna critica di questo tratto della via Appia, il cui fascino vive delle molteplici stratificazioni della storia.
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 


 

 

 

 

sabato 21 aprile
- ore 11:15 -

All'ombra della Piramide.
Il Cimitero Acattolico:
l'arte della memoria

"E’ uno dei luoghi di sepoltura tutt’ora in uso più antichi in Europa, in quanto l'inizio del suo utilizzo risale al 1716 circa.
Non c'è al mondo altro cimitero che ispiri un tal senso di pace infinita, di speranza e di fede. Nella pace solenne dormono insieme l'ultimo sonno uomini di ogni razza e paese, d'ogni lingua ed età. Quanti però qui riposano all'ombra della Piramide di Caio Cestio, mirti e allori, rose selvatiche e fiammeggianti camelie, hanno tutti potuto godere la felicità di vivere più o meno a lungo nella Città eterna [...]".
Posti disponibili in esaurimento
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

 

 

 

domenica 22 aprile
- ore 11:00 - 

Speciale Grandi Mostre
"Turner. Opere della Tate"
al Chiostro del Bramante

"Per la prima volta in mostra a Roma una raccolta di opere esclusive dell’artista inglese Joseph Mallord William Turner al Chiostro del Bramante.
Una collezione unica, espressione del lato intimo e riservato di J.M.W. TURNER (23 aprile 1775 – 19 dicembre 1851), donata interamente all’ Inghilterra e conservate presso la Tate Britain di Londra [...]. Più di 90 opere d’arte, tra schizzi, studi, acquerelli, disegni e una selezione di olii mai giunti insieme in Italia, caratterizzano il percorso espositivo della grande mostra 'TURNER. Opere della Tate' dedicata al celebre e rinomato maestro dell’acquerello che con la sua pittura ha influenzato più di una generazione di artisti ... "
Posti disponibili in esaurimento
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

 

 

giovedì 12 aprile
- ore 19:00 - 

Roma in viaggio.
Vedute di città - reali e immaginarie - 
per i viaggiatori del Grand Tour

Quinto appuntamento del ciclo "Incontro ai Capolavori", sul tema “Viaggi a Roma di Grandi Maestri”: un percorso in sei tappe nella storia delle arti alla ricerca di quelle impronte e di quei riflessi che più significativamente sono originati da indimenticate esperienze romane di artisti "forestieri".
Dalle “impronte” del gotico rintracciabili nel superbo catalogo di architetture e sculture – comprensive di un poetico Presepe - licenziate da Arnolfo di Cambio per la Roma tardo duecentesca, ai “riflessi” nel ritorno classico di un estremo, imprevedibile Renoir, oltre la bruciante esperienza della ‘rivoluzione’ impressionista ...
Posti limitati
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

 

 

sabato 14 aprile
- ore 15:45 - 

Origini - e variazioni - di Roma cristiana.
San Lorenzo in Lucina:
i sotterranei e la basilica

Sorto nel IV secolo nella residenza della matrona romana Lucina e quindi consacrato nel 440 da Sisto III, il primitivo edificio di culto dedicato al martire Lorenzo veniva ricostruito per desiderio di  Pasquale II ai primi del XII secolo per conoscere infine, nel secolo XVII, una radicale revisione curata da Fosimo Fanzago.
Un itinerario denso di suggestioni attraverso la stratificazioni della storia
: dall'area di scavo con testimonianze materiali di un edificio del II secolo e delle sue trasformazioni nel corso del IV secolo, alla solenne spazialità della basilica superiore dove splendono alcuni dei più celebrati capolavori dell'arte del Seicento: sull'altare maggiore il potente Crocifisso di Guido Reni; nella Cappella di san Francesco le tele di un caravaggesco Simon Vouet; nella Cappella Fonseca la  sapiente regìa di un allestimento scenico firmato Gian Lorenzo Bernini.

Posti disponibili esauriti
Consultare la scheda descrittiva

 

 

 

domenica 15 aprile
- ore 15:30 - 

Alle origini di Roma cristiana.
La basilica di San Clemente:
rivelazioni dal sottosuolo

Nella valle tra l’Esquilino e il Celio, sulle rovine di una basilica del IV secolo devastata dalle invasioni normanne di Roberto il Guiscardo del 1084, papa Pasquale II (1099-1118) fece erigere una nuova basilica: impreziosita, nell’immediato, da un superbo mosaico absidale - denso di messaggi simbolici - e, alla distanza, dalla decorazione a fresco della Cappella di Santa Caterina, eseguita nel primo Quattrocento da Masolino da Panicale (1383-1447).
La rivelazione del passato dimenticato di San Clemente, avveniva a partire dalla metà del XIX secolo ...

Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

 

 

 

 

venerdì 11 maggio
- ore 19:00 - 

Ritorno al classico.
Renoir: oltre l'Impressionismo

Ultimo appuntamento del ciclo "Incontro ai Capolavori", sul tema “Viaggi a Roma di Grandi Maestri”: un percorso in sei tappe nella storia delle arti alla ricerca di quelle impronte e di quei riflessi che più significativamente sono originati da indimenticate esperienze romane di artisti "forestieri".
Dalle “impronte” del gotico rintracciabili nel superbo catalogo di architetture e sculture – comprensive di un poetico Presepe - licenziate da Arnolfo di Cambio per la Roma tardo duecentesca, ai “riflessi” nel ritorno classico di un estremo, imprevedibile Renoir, oltre la bruciante esperienza della ‘rivoluzione’ impressionista, passando per: le fascinazioni antiquarie che nutrono il raffinato repertorio decorativo messo in opera dal Pintoricchio nelle cappelle gentilizie di importanti basiliche e nell’appartamento Borgia in Vaticano ...
Prenotazione non ancora disponibile
Consultare la scheda descrittiva

 

 

 

 

sabato 26 maggio
- ore 10:30 -

Il Convento della Trinità dei Monti:
gli incanti - nascosti - del Pincio.
Visita con permesso speciale

Addossato al fianco di una chiesa che domina dall’altura del Pincio l’affaccio su piazza di Spagna, eppur sconosciuto ai più: è il convento della Trinità dei Monti , sede, dal 1828 della comunità religiosa del Sacro Cuore (e dalla scuola annessa). Una visita con permesso speciale per scoprire gli incanti – nascosti – del Pincio: le anamorfosi di François Nicéron ; la meridiana catottrica di Emmanuel Maignan; le Nozze di Cana dipinte nel refettorio da Andrea Pozzo.
Prenotazioni entro e non oltre giovedì 24 maggio, complete dei nominativi dei singoli partecipanti corredati dei rispettivi estremi di un documento di identità (numero, luogo e data del rilascio) da inviarsi a info@bellezzadellarte.it e specifica di eventuali partecipanti minorenni
Per prenotare, consultare la scheda descrittiva e cliccare nel campo "Date e prenotabilità"

 

 

Sito realizzato da lfdesign.it © tutti i diritti riservati 2011-