x
Visite guidate   |  



L'evento: Splendori nascosti: Villino Ximenes. Armonie liberty ritrovate dopo il restauro
Dove: Piazza Galeno
Con: Susanna Falabella
 Quando: sabato 5 maggio - visita con permesso speciale

prenotazione obbligatoria entro 24h dalla visita (cliccare su "Date e prenotabilità")

E' tornato a splendere, dopo un'impegnativa campagna di restauro, il prezioso edificio affacciato su piazza Galeno, nel cuore del quartiere Nomentano: il Villino Ximenes, raro documento, a Roma, dell'elegantissima e fugace stagione Liberty.
Il villino fu realizzato ad apertura Novecento come casa-studio dello scultore palermitano
Ettore Ximenes (1855-1926), in una vasta estensione già facente parte della Villa Patrizi (alienata alla fine dell’Ottocento per la creazione di aree residenziali caratterizzate da una nuova tipologia edilizia: quella, appunto, del "villino").
Nella piena maturità di un affermato percorso professionale, salutato già da importanti riconoscimenti – la vittoria all’Esposizione di Torino del 1890 con il gruppo Ciceruacchio, la partecipazione alla prima Biennale di Venezia del 1895 – Ximenes affidò all’architetto Leonardo Paterna Baldizzi il progetto dell’edificio di cui curò personalmente l’articolato apparato decorativo esterno ed interno.
Abitato non continuativamente dall’artista, impegnato in numerosi e prestigiosi incarichi a Roma - il gruppo del Diritto per il Vittoriano, la Quadriga per il Palazzo di Giustizia – e nel resto dell’Italia e all’estero (tra gli altri, il Monumento a Verdi nella città di Parma, il Monumento a Alessandro II a Kiev), dopo la morte di Ximenes, il villino conobbe una stagione meno felice - la vendita, il progressivo degrado, le alterazioni – seguita dai restauri degli  esterni, conclusi nel 1999, cui hanno fatto seguito quelli, molto difficoltosi, degli interni, appena ultimati.
Con le modifiche conseguenti alle differenti destinazioni d’uso del complesso, ora sede dell’Istituzione Teresiana, è andato perduto lo studio – la Galleria delle Statue – che occupava il centro dell’edificio, ma si sono conservati il fumoir, il salone e la raffinata sala da pranzo, tuttora arredata con il mobilio originario.

Susanna Falabella

Visita guidata (comprensiva del servizio auricolari per l'ascolto a distanza): soci euro 10,00; non soci euro 12,00; studenti fino a 26 anni di età e soci che abbiano già visitato il Villino con l'Associazione, prima del restauro, 5,00 euro.
Contributo per apertura speciale: euro 3,00.
Durata della visita: 1 h 40’ ca.
Appuntamento: piazza Galeno, angolo via B. Eustachio, alle ore 10:30.

▲ Chiudi
Sito realizzato da lfdesign.it © tutti i diritti riservati 2011-