x
Visite guidate   |  


L'evento: Scenari di fiaba: il "Quartiere" Coppedè
Dove: Via Dora, piazza Mincio, via Brenta, via Serchio, via Clitunno
Con: Susanna Falabella
Quando: domenica 7 aprile
  prenotazione obbligatoria entro 24h dalla visita (cliccare su "Date e prenotabilità")

Il cosiddetto "Quartiere Coppedè” è, in realtà, un insieme di 26 palazzine e 17 villini inglobato all’interno del più ampio quartiere Trieste. Lo si può “scoprire” procedendo da una delle più trafficate strade urbane che ne definiscono i confini: via Tagliamento, corso Trieste, viale Regina Margherita. Se si percorre un tratto della prima e si devia per via Dora, si troverà un singolare arco ribassato, rinserrato tra quelle che sembrano due alte torri e sotto il quale è appeso un grande lampadario in ferro battuto; oltrepassandolo, ci si sorprenderà di uno scenario architettonico di altro sapore, suscettibile di veicolare suggestioni fiabesche: ci si è addentrati nel cuore del capolavoro di Gino Coppedè (Firenze 1866 – Roma 1927).
Dopo una prima formazione compiuta nella ditta paterna “Casa artistica di Mariano Coppedè e figli” - specializzata nella produzione di mobili e arredi di lusso -, e gli studi brillantemente compiuti a Firenze presso la Scuola Professionale di Arti Decorative Industriali e l’Accademia di Belle Arti, Gino esordì a Genova, realizzando, tra il 1893 e il 1905, il Castello Mackenzie. Nel prosieguo della sua attività, egli mise a punto una personale interpretazione di stile eclettico che gli guadagnò grande notorietà e prestigiose commissioni, tra le quali quella affidatagli dalla “Società Anonima Cooperativa Edilizia Moderna”: il progetto e la realizzazione di condomini di livello medio alto in un’area di 31.000 metri quadrati, acquistata dalla Società nel 1916 in un’area stimata tra le più eleganti della capitale. Da lì prese avvio un’esperienza architettonica tra le più originali del primo Novecento, in cui suggestioni medioevali si sposarono con riprese dell’antichità greca e con le più attuali influenze Liberty. Una realtà incantata: la riscopriremo insieme, attraverso un itinerario di prepotente fascino che privilegerà l’epicentro del “quartiere”, ovvero il “salotto” di piazza Mincio, arredato dalla Fontana delle Rane e sul quale prospetta, tra gli altri edifici, il “fantastico” Villino delle Fate.

Susanna Falabella

Costo visita guidata (comprensivo del servizio noleggio auricolari per gruppo composto da un minimo di 10 partecipanti): 10, 00 euro soci; 12,00 euro non soci.
Durata della visita:
1 h e 30' ca.
Appuntamento
:
in Piazza Buenos Aires (piazza Quadrata), davanti alla chiesa di Santa Maria Addolorata, alle ore 17:15.
Nota sull'itinerario di visita:
il percorso inizierà a Piazza Buenos Aires (piazza Quadrata) e terminerà a via Clitunno angolo Corso Trieste.

▲ Chiudi
Sito realizzato da lfdesign.it © tutti i diritti riservati 2011-